Visita specialistica: quando e perché è opportuno rivolgersi ad un medico ortopedico

L’ortopedia è un ramo della medicina che si occupa di prevenire e curare tutte le patologie o le alterazioni funzionali o anatomiche che colpiscono l’apparato locomotore. Tutti i disturbi che riguardano lo scheletro, le articolazioni, muscoli, ossa, tendini, etc, sia che si siano presentati in seguito a traumi o che siano sorti spontaneamente, devono essere valutati da un medico ortopedico con una visita specialistica.

Visita ortopedica: quando è necessaria?

Quali sono i sintomi che rappresentano campanelli d’allarme e che possono indicare la necessità di una visita ortopedica? A volte capita che lievi sintomi, seppur presenti costantemente, vengono sottovalutati ed ignorati, causando così un rapido peggioramento delle patologie in essere. Quando si riscontrano problemi nel camminare e nel correre, si percepisce una rigidità nei movimenti, infezioni improvvise, lividi o gonfiori persistenti, dolore ai muscoli, alla schiena, alla spalla, alle ginocchia o a tutte le articolazioni del corpo umano, è sempre bene parlarne con il proprio medico di fiducia. Una visita con un medico specializzato in ortopedia si rende necessaria soprattutto quando i sintomi non rappresentano un caso isolato ma sono perennemente percepiti o si ripresentano con frequenza.

Sottoporsi ad una visita specialistica permetterà di escludere, o confermare, le patologie croniche, acute o degenerative che colpiscono l’apparato muscolo scheletrico. La presenza di fratture, distorsioni, lussazioni, traumi, lesioni ai legamenti, rotture muscolari, ernie, artriti, sindrome del tunnel carpale, artrosi o tumori dell’osso può essere accertata o esclusa solo tramite una visita eseguita da un medico ortopedico

Chi la esegue?

La visita ortopedica viene eseguita esclusivamente da un medico specializzato in ortopedia. Si tratta, quindi, di dottori specializzati nella diagnosi e nel trattamento delle patologiche che colpiscono l’apparato locomotore. Sono, inoltre, in grado di operare chirurgicamente quando necessario.

Visita ortopedica: come si svolge?

Nella prima parte della visita verrà svolta l’anamnesi. È una fase conoscitiva in cui il medico ortopedico si accerterà delle condizioni del paziente, ascoltando la sua storia clinica, interrogandolo sui sintomi che l’hanno spinto a richiedere una visita specialistica, su eventuali problemi simili riscontrati in passato, sullo stile di vita, sul tipo di lavoro svolto e sull’eventuale attività fisica praticata. In questo modo il medico avrà già un quadro che gli permetterà di escludere la presenza di alcune patologie.

In seguito, l’ortopedico procederà con un esame obiettivo in cui appurerà lo stato di salute della struttura dell’apparato locomotore. A seconda dei sintomi descritti dal paziente, ci si concentrerà su determinati aspetti come, ad esempio, la postura o la forza muscolare.

In seguito a quest’esame, il medico, qualora in possesso di tutti gli elementi necessari, formulerà la diagnosi. Se, invece, lo ritenesse opportuno, potrà richiedere al paziente di eseguire ulteriori esami come radiografie, Tac, risonanze, etc.

Come prepararsi alla visita ortopedica

La visita ortopedica può essere molto diversa a seconda dei casi. Generalmente, però, non prevede nessun tipo di preparazione. Il paziente dovrà ricordarsi di portare con sé tutti gli esami svolti in precedenza e i risultati di eventuali accertamenti richiesti dal medico.

 

Devi sottoporti ad una visita ortopedica?
Prenota subito il tuo appuntamento!
+39 069863872