Medicina dello sport: visite obbligatorie per chi gioca a pallavolo

Cosa serve per giocare a pallavolo? Sicuramente passione, costanza e allenamento, ma non basta. Prima di iniziare l’attività sportiva, infatti, occorre essere sicuri che il proprio stato di salute lo consenta. Per questo la legge ha introdotto l’obbligo di sottoporsi a delle visite medico sportive con un dottore specializzato in medicina dello sport per chiunque voglia iniziare il proprio percorso da pallavolista.

Certificato agonistico e non agonistico

Quando ci si iscrive in una palestra affiliata ad una Federazione Sportiva o a enti di promozione sportiva o si partecipa ad attività organizzate dal Coni è necessario presentare un certificato medico sportivo che può essere rilasciato da un medico di medicina generale, dal pediatra o da uno specialista.

A partire dai 10 anni di età, però, chi vuole giocare a pallavolo dovrà essere necessariamente in possesso di un certificato di idoneità all’attività agonistica e, quindi, sottoporsi ad un’approfondita visita medico sportiva svolta esclusivamente da un medico specializzato in medicina dello sport Anzio, autorizzato dalla ASL e in ambulatori accreditati. Affrontare questi esami permetterà di svolgere l’attività in assoluta sicurezza per la propria salute.

La visita medico sportiva agonistica: come si svolge

Per giocare a pallavolo, l’atleta dovrà sottoporsi ad una serie di esami che ne accertino lo stato di salute. La visita è di tipo B1, e cioè una visita dettata dal fatto che l’impegno fisico richiesto dall’attività sportiva in questione è considerato elevato (B) e con il rilascio di un certificato di idoneità agonistico dalla validità di un anno (1). Il dottore specializzato in medicina dello sport Roma si accerterà sulla storia clinica dell’atleta e lo sottoporrà ad un esame spirometrico, ad un ECG basale, ad un ECG sotto sforzo, ad un esame della vista e delle urine.

Più precisamente, si partirà con l’anamnesi, ovvero con la raccolta di informazioni sullo stato di salute dell’atleta. Si accerterà, quindi, la sua condizione al momento della visita, tenendo in considerazione anche la storia familiare del paziente e il suo stile di vita.

Si proseguirà con la raccolta dei dati antropometrici del paziente. Verranno quindi accertati peso ed altezza. In questa fase verrà anche misurata la pressione arteriosa. A questo punto seguiranno tutti gli altri esami.

I documenti necessari e la preparazione alla visita

Per poter svolgere la visita medico sportiva agonistica, l’atleta dovrà presentare la richiesta della società sportiva, la tessera sanitaria, un documento di identità e un esame dell’urine completo. È sempre consigliabile, inoltre, portare con sé esami recenti se effettuati.

Per poter svolgere gli esami, che richiedono sforzo e movimento, è opportuno presentarsi alla visita medico sportiva agonistica indossando abiti comodi e adatti all’attività sportiva e indossare scarpe da ginnastica.

Svolgere una visita medico sportiva non è solo un obbligo da adempiere dettato dalla Legge, ma è soprattutto un modo per tenere sotto controllo la propria salute e svolgere l’attività sportiva in tutta sicurezza e tranquillità. La medicina dello sport può, infatti, salvare la vita.

Devi sottoporti ad una visita medico sportiva agonistica? Chiamaci subito e fissa il tuo appuntamento.
Chiama +39 069863872